domenica 24 ottobre 2010

Presentata la traduzione del libro di Ellis Cornelia Knight

Pubblicato per la prima volta a Londra nel 1805

(Cliccare sulle immagini per vederle ingrandite) “Description of Latium, or la Campagna di Roma” scritto nel 1805 da Ellis Cornelia Knight, qui in un ritratto di Angelica Kauffmann,, è stato finalmente tradotto e arricchito con preziose note da Alessandro Badiale. Il libro nella versione in italiano, con prefazione di Luigi Devoti, edito dalla Cavour Libri, di Frascati, con il sostegno della Comunità Montana dei Castelli romani e Prenestini attraverso il Sistema Museale Territoriale Museumgradtour di cui è ente capofila e gestore, è stato presentato al pubblico sabato 23 nelle sale di Villa Aldobrandini gentilmente messa a disposizione dal principe Camillo.
A curare la regia della presentazione Paolo Cortesini, direttore generale del Comune di Fiumicino e amico personale di Badiale, il quale ha introdotto gli interventi di: Giuseppe De Righi, presidente della XI Comunità Montana dei Castelli Romani e Prenestini; Stefano Di Tommaso, sindaco del Comune di Frascati; Armanda Tavani, assessore alla cultura; Raimondo Del Nero, professore, storico e uno dai massimi esperti di storia locale tuscolana; Fabio Pierangeli, Docente dell’Università di Roma Tor Vergata e, naturalmente, dello stesso Alessandro Badiale.
Questa la prefazione di Luigi Devoti: “Alessandro Badiale con la traduzione del libro di Ellis Cornelia Knight, pubblicato a Londra nel 1805 in forma anonima col titolo A Dscription of Latium or la Campagna di Roma e corredato da venti tavole disegnate dalla stessa autrice, raffiguranti quasi tutte i Castelli Romani, ha saputo colmare un vuoto di cui si sentiva la necessità di riempire. Ellis Cornelia Knight nasce a Londra nel 1757 e, dopo aver frequentato una scuola diretta da un pastore svizzero, imparando il latino si trasferisce a Roma insieme alla madre, da dove inizia il suo viaggio attraverso i borghi, i paesi e le città del Lazio. Alessandro Badiale ha anche saputo corredare il suo lavoro di traduzione di note che oltretutto hanno dato alla pubblicazione un completamento, in quanto nel testo originale erano assenti. Per cui oltre alla descrizione dei luoghi e delle bellezze in essi presenti, con un esame della regione in tutti i suoi aspetti, effettuata dall’autrice dell’opera, le note, esplicative degli stessi luoghi visitati, hanno completato il lavoro rendendolo più appetibile e completo. L’opera inoltre si inquadra nel discorso portato avanti fino ai giorni nostri dai molti cultori e studiosi del territorio laziale con la produzione di pubblicazioni eccellenti, ma di questa opera della Knight nessuno aveva mai pensato di farne una traduzione per poterla rendere accessibile anche a coloro che non conoscono la lingua inglese. Oggi Alessandro Badiale ha saputo comprendere questa mancanza ed ha provveduto con la traduzione del libro, inserendo molte illustrazioni realizzate dalla stessa autrice in disegno. La traduzione è anche molto ben fatta. A questo punto, crediamo di non dover aggiungere altro, augurando all’autore della traduzione un felice inserimento del lavoro tra quelli degli autori più importanti che hanno visitato e descritto il territorio laziale”.
.

Nessun commento: