domenica 11 gennaio 2009

Il mascherone di Via Gregoriana

Oggetto dell'indovinello del post precedente

(Cliccare sulle foto per vederle ingrandite) Bene, poichè nessuno sembra essersi voluto cimentare nel “Chi l’ha visto?” del post precedente, ecco la risposta all’indovinello.
Il mascherone dal naso a punta e il sorriso enigmatico si trova sotto il cornicione del primo palazzo a destra all’inizio della discesa di Via Gregoriana in direzione di Monte Porzio.
“Ogni giorno sotto di esso passano moltissime persone, soprattutto al mattino e alla sera, ma tra di esse i frascatani sono la minoranza”: si tratta infatti di gran parte delle persone provenienti da Monte Porzio e paesi limitrofi che ogni mattina percorrono Via Gregoriana in automobile dirette a Roma per lavoro e che ogni sera fanno ritorno a casa percorrendo la stessa strada in senso opposto. “Da dov'è, il mascherone osserva un’antica tradizione da qualche anno passata di padre in figlio”: e infatti al di sotto del mascherone (in realtà sono una coppia di mascheroni) c’è una delle più tradizionali trattorie di Frascati, “da Italo”, che da qualche anno, dopo la scomparsa del titolare, è gestita dal figlio Massimo, insieme alla sorella. “Il palazzo dove è apposto fa bella mostra di se nelle più antiche stampe di Frascati, a partire da quella del Greuter del 1620”: e infatti lo si vede sulla destra della strada verso le Ville Borghesiane, subito dopo il bastione delle mura di cinta cittadine che racchiudevano l’antico Borgo di San Rocco, come si vede nell’immagine qui accanto tratta dalla stampa del Kircher del 1671.
.

Nessun commento: